Recupero e Tutoring

Il recupero dello svantaggio e’ una sfida per la nostra scuola.L’età compresa fra i 14 e i 19 anni rappresenta un momentodelicato della crescitanel quale possono più facilmentemanifestarsi situazioni di difficoltà e di disagio. La nostra scuola è attenta ai segnali di crisi scolastica e personale che uno studentemanifesta . Le iniziative volte afornire risposte individuali ai problemipossono essere ricondotte a tre ambiti:
  • DIFFICOLTA’ DI TIPO DISCIPLINARE
  • DIFFICOLTA’ DI TIPO SCOLASTICO DI CARATTERE TRASVERSALE
  • DIFFICOLTA’ DI TIPO RELAZIONALE

Recupero delle abilità disciplinari

La finalità delle azioni di recupero è quella di prevenire l’insuccesso, cioè ridurre il numero di alunni respinti e di alunni con debito a fine anno.A questo scopo ”non sono sufficienti semplici iniziative “aggiuntive” ma occorre ripensare l’intera programmazione didattica ed educativa” ( CM 492, 7.8.96).Ancor più: talvolta le iniziative “aggiuntive”, con il loro carico di impegno, risultano problematiche per lo studente: le iniziative aggiuntive, pertanto, per essere efficaci, devono essere limitate nel tempo, il più possibile individualizzate, mirate su carenze precise.Questa prospettiva presuppone che si faccianoprecedere gli interventi di recupero da una più ampia strategia didattica finalizzata a ridurre la percentuale di allievi che necessitano di recupero. Nella nostra scuola pertanto è in atto un ripensamento della didattica ordinaria, incentrato sui seguenti elementi di forza:

  • estendere la prassi della “Programmazione per moduli”: una organizzazione del lavoro per segmenti rende infatti più agevole la valutazione delle singole carenze e un recupero tempestivo e comprensibile dallo studente
  • valorizzare la fase della valutazione, coinvolgendo al massimo lo studente, perché diventi consapevole delle proprie difficoltà e possa assumere un atteggiamento attivo nel processo di recupero. Questo significa che i docenti si impegnano a comunicare sempre immediatamente il voto allo studente, a comunicargli contestualmente le motivazioni del voto, in particolare nel caso di insufficienze, a offrire l’opportunità di recuperare il segmento di percorso oggetto divalutazione nel corso della attività didattica ordinaria, a utilizzare tutta la gamma dei voti da 1 a 10 e a effettuare un congruo numero di prove di verifica.
  • prevedere momenti di“Pausa didattica” nella programmazione ordinaria come forma di recupero in itinere, in particolare per tutte le discipline che dispongono della co-docenza e che, pertanto, possono suddividere la classe in due parti; o nei casi di classi che presentino un numero rilevante di studenti insufficientiin una disciplina.

La nostra scuola intende fondare gli interventi di recupero sul principio della responsabilità dello studente nel processo di apprendimento. Nella piena consapevolezza e convinzione che nessun processo di apprendimento può avvenire senza la partecipazione fattiva dello studente, si intendono valorizzare tutte le modalità di intervento che favoriscano l’iniziativa dello studente e rispondano alle sue esplicite richieste e privilegiare, nella scelta di chi dovrà partecipare ad iniziative di recupero, gli studenti in difficoltàche dimostrino un atteggiamento positivo nei confronti dell’impegno scolastico. Occorrerà naturalmente tener conto del livello di maturità dei ragazzi del biennio e offrire a tutti una possibilità di miglioramento: ma occorrerà far maturare l’ideache l’accesso agli interventi di recupero non è automatico, ma è un’opportunità riservata a chi dimostra di saperla mettere a frutto. A questo scopo viene stipulato, all’inizio dell’anno scolastico, un Patto educativo di corresponsabilità con studenti e famiglie.La questione del recupero va comunque considerata in modo diverso per il Biennio e per il Triennio.Per il Biennio siprevedono interventi significativi, sia di sostegno che di recupero,in quanto costituisce una fase particolarmente delicata, che richiede un forte investimento sia per ridurre la dispersione che per affrontare alla radice i problemi che continuano a riemergere per chi continua il percorso nella nostra scuola.Per il Triennio si propone invece di ridimensionare l’entità degli interventi di recupero, nella convinzione che si debba pretendere un maggior grado di responsabilità dello studente. In base a questi presupposti è stato elaborato un Piano per il recuperoche si articola sull’intero anno scolastico, prevedendo azioni di sostegno disciplinare nel 1° quadrimestre e interventi di recupero nel corso del 2° quadrimestre e durante il periodo estivo

Recupero abilità trasversali

Molte delle difficoltà di apprendimento che si riscontrano nella scuola, di ogni tipo e di ogni livello, sono collegate a situazioni di disagio, singole e collettive, di cui è spesso difficile rintracciare le cause e nelle quali è arduo progettare ed attuare interventidi aiuto efficaci. I docenti sentono l’esigenza di comprendere le varie situazioni, ma anche di non dimenticare il compito specifico della scuola, che è quello di offrire istruzione e formazione, sempre.Nel quadro degli interventi attivati e finalizzati all’individuazione, allo sviluppo e alla valorizzazione delle potenzialità individuali di apprendimento, il nostro Istituto propone il progetto Tutor per le classi prime e seconde,rivolto agli studenti che manifestano difficoltà scolastiche che riguardano abilità e competenze trasversali.

Progetto TUTOR

IlConsiglio di classe segnala al docente Facilitatore gli studenti in difficoltà. Compito del Facilitatore è quello di avviare colloqui finalizzati alla definizione del problema sottostante la difficoltàscolastica, per ognuno degli studenti segnalati. La rete delle possibilità di cui il Facilitatore dispone per l’invio è costituita da tre poli istituzionali: il , destinato a sostenere l’organizzazione dello studio, la motivazione e il successo scolasticolo sportello di Consulenza (), per affrontare situazioni di disagio relazionalelo Sportello di Riorientamento, mirato a una riflessione circa il proprio percorso scolastico.

Difficoltà di tipo relazionale

L’ opportunità di usufruire delCIC e dello sportello di Riorientamento non è esclusiva del progetto TUTOR, ma è a disposizione di tutti gli studenti della scuola che, spontaneamente, avvertono l’esigenza di riflettere sulle proprie eventuali difficoltà relazionali e sul proprio percorso scolastico.

Visitatori online

Abbiamo 77 visitatori e un utente online

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sei qui: Home Progetti Recupero e Tutoring

ITIS "Albert Einstein"C.F.87008650159

 Realizzato con CMS Joomla Logo Release 2.5.28

Installazione, configurazione e amministrazione: E. Pellecchia


Contatto Home Via Adda, 6 - 20871 Vimercate (MB) Contatto Tel 039668046 Contatto Fax 039669544 Contatto EMail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Contatto EMail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Valid XHTML 1.0 Transitional CSS Valido!

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità e offrirti servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Per maggiori informazioni clicca sul pulsante "Informativa".